IC 5 IMOLA

Codice meccanografico: BOEE842031

VIA TIRO A SEGNO N. 1/A

Tel.: 054243324

 

Plesso “Gianni Rodari “- Istituto Comprensivo 5 – Imola

Il plesso “Gianni Rodari” è entrato a far parte dell’IC.5 “Sante Zennaro” dall’anno scolastico 2017-18, a seguito di una ristrutturazione degli istituti comprensivi territoriali.
Il plesso “G. Rodari” si trova in via Tiro a Segno 1: è situato nelle adiacenze di un ampio parcheggio e di un’area verde pubblica di facile accesso. Comprende sia la scuola dell’Infanzia, sia la scuola Primaria; l’ingresso delle due scuole è comune, tramite un cancello posto sul fronte parcheggio.

La scuola Primaria “G.Rodari” é strutturata su due piani; le aule sono nell’insieme spaziose e luminose, alcune corredate di atelier per attività varie di laboratorio. Inoltre la scuola è dotata di un laboratorio di Informatica, di una biblioteca, di una palestra, di due sale refettorio e di ampi spazi esterni. Ogni anno viene attivato, a richiesta dei genitori, un servizio di pre-scuola, gestito da una cooperativa del territorio. Nelle adiacenze della scuola esiste anche un servizio di post-scuola, con operatori che vengono a ritirare gli alunni che ne usufruiscono, fornendo loro sia il servizio mensa che l’assistenza per i compiti pomeridiani.
L’attività progettuale del plesso si propone di offrire opportunità all’utenza sia in termini di tempi scolastici, distribuiti su cinque mattine dal lunedì al venerdì e tre pomeriggi, sia con un arricchimento dell’attività curricolare, facendo vivere agli alunni esperienze significative in sinergia con gli Enti territoriali promotori.
L’orario di apertura della scuola, a tempo modulare, va dal lunedì al venerdì con la seguente articolazione:
al mattino: entrata alle ore 8.25 con inizio delle lezioni alle ore 8.30; uscita alle ore 12.30.
Al mattino è attivo il servizio di pre-scuola dalle ore 7.30 alle ore 8.25.
Al pomeriggio: lunedì, mercoledì, venerdì le lezioni di tutte le classi, sezioni A e B, si svolgono dalle ore 14.00 alle 16.20.
Lunedì, mercoledì e venerdì, per coloro che ne fanno richiesta, è garantita la mensa dalle ore 12.30 alle ore 13.30, più mezz’ora ricreativa fino ad inizio attività scolastiche pomeridiane, alle ore 14.00.

ORGANIGRAMMA SCUOLA PRIMARIA

GALLERIA FOTOGRAFICA E VIDEO

POF Primaria Rodari 20-21

Valutazione scuola primaria

Progetti scuola primaria Rodari

Codice meccanografico: BOAA84203Q

VIA TIRO A SEGNO N. 1

Tel.: 054240137

 

Plesso “Gianni Rodari “- Istituto Comprensivo 5 – Imola

Il plesso “Gianni Rodari” è entrato a far parte dell’IC.5 “Sante Zennaro” dall’anno scolastico 2017-18, a seguito di una ristrutturazione degli istituti comprensivi territoriali. 
Il plesso “G. Rodari” si trova in via Tiro a Segno 1: è situato nelle adiacenze di un ampio parcheggio e di un’area verde pubblica di facile accesso. Comprende sia la scuola dell’Infanzia, sia la scuola Primaria; l’ingresso delle due scuole è comune, tramite un cancello posto sul fronte parcheggio.

La scuola dell’infanzia “G. Rodari” è collocata al piano terra, nell’ala sud-ovest del plesso Rodari. Dispone di tre spazi – sezione e di un’aula per il riposo dei bimbi più piccoli. Ha una cucina e un’aula polivalente. Condivide con la scuola primaria la palestra. Il giardino antistante la scuola dell’Infanzia viene utilizzato esclusivamente dai bambini che la frequentano.
Struttura dell’orario della scuola dell’Infanzia:
Gli alunni entrano nei locali scolastici accompagnati dai genitori o dai loro delegati, purché maggiorenni.
Orario entrata: dalle 7.30 alle 9.00
Orario 1^ uscita : dalle ore 11.30 alle 11.40
Orario 2^ uscita: dalle ore 12.45 alle 13.15
Orario di rientro pomeridiano: dalle 13.00 alle 13.15
Orario 3^ di uscita: dalle ore 16 alle 16.30 ( gli alunni escono sempre accompagnati dai genitori o loro delegati maggiorenni).
I genitori sono tenuti a rispettare gli orari di inizio e i termini delle lezioni. Eventuali ritardi dovranno essere documentati e comunicati entro le ore 9.00. In caso di ritardo ingiustificato i bambini verranno ammessi, ma non potranno usufruire del servizio mensa.

Progetti scuola dell’infanzia Rodari a.s. 20-21

Galleria Fotografica e video

POF Infanzia Rodari 20-21

Organigramma

MODULI ISCRIZIONI

Progetti scuole dell’infanzia Sante Zennaro e Rodari a.s. 2019/20

Progetti scuole dell’infanzia Rodari e Sante Zennaro a.s. 2018/19

 

SECONDARIA FIORI

Codice meccanografico BOMM84201T

e-mail BOIC84200R@istruzione.it

VIA PIRANDELLO, 12 – 40026 Imola Bo

tel. 054242288

REFERENTE di PLESSO: Prof.ssa Cristiana Montanari

PERSONALE ATA: Gerarda D’Innocenzio, Lucrezia Micalizzi.

 


  

PROGETTI 

POF Scuola Secondaria Sante Zennaro 20-21


IMPARO AD IMPARARE

COORDINATORI DI CLASSE 2020/21

GALLERIA FOTOGRAFICA E VIDEO


TEMPO SCUOLA


DIDATTICA


ORIENTAMENTO


 DOCUMENTI


 


 


 

IL NOSTRO MOTTO E’…

“Educare è … introdurre l’alunno a comprendere la realtà senza trascurare alcuno dei suoi fattori”  (Jungmann)

FINESTRA SECONDARIACi siamo perché ci crediamo

Ci siamo e ci saremo grazie a voi che in tanti avete manifestato apprezzamento e stima per il nostro lavoro, per la nostra scuola, per una scuola che accompagna i bambini dall’infanzia all’adolescenza in un percorso educativo e didattico unitario, che li segue in un progetto di continuità in un ambiente bello e accogliente nel quale possono imparare e crescere con la guida di insegnanti preparati, motivati ed aperti alla collaborazione. Offriamo una scuola di qualità che unisce esperienza e  innovazione. 

 

ROCK SECONDARIALa scuola secondaria si colloca all’interno di un processo di formazione in continuità con gli altri ordini di scuola. Ha come compito inoltre quello di potenziare la capacità di partecipazione ai valori della cultura, della civiltà, della convivenza sociale. Si preoccupa di offrire occasioni di sviluppo della personalità del ragazzo e di riflessione sul proprio immediato futuro (orientamento).

 

 

Immagine1 

Codice meccanografico BOEE84201V

tel. 054240613

e-mail BOIC84200R@istruzione.it

VIA PIRANDELLO, 12 – 40026 Imola Bo

 

 

 

 

OPEN DAY 2021

 CHI SIAMO


TEMPO SCUOLA


ORGANIGRAMMA


PROGETTI PRIMARIA


GALLERIA FOTOGRAFICA E VIDEO

POF Primaria Sante Zennaro 20-21

Valutazione scuola primaria


 

 

 

 Codice meccanografico: BOAA84202P

tel. 054240757 e-mail BOIC84200R@istruzione.it
VIA PIRANDELLO, 12 – 40026 Imola Bo

LA NOSTRA SCUOLA

ORGANIGRAMMA E TEMPO SCUOLA

PROGETTI INFANZIA

GALLERIA FOTOGRAFICA E VIDEO

POF Infanzia Sante Zennaro 20-21

DIDATTICA INFANZIA


 MODULI ISCRIZIONI


 


La scuola dell’infanzia è aperta a tutti i bambini con un’età compresa fra i tre e i cinque anni. Ha durata triennale e non è obbligatoria.
Questo primo segmento del percorso di istruzione concorre all’educazione e allo sviluppo affettivo, psicomotorio, cognitivo, morale, religioso e sociale dei bambini; stimola le potenzialità di relazione, autonomia, creatività, apprendimento, e mira ad assicurare un’effettiva eguaglianza delle opportunità educative. 
La scuola dell’infanzia, nel rispetto del ruolo educativo dei genitori, contribuisce alla formazione integrale dei bambini e, nella sua autonomia e unitarietà didattica e pedagogica, realizza la continuità educativa con la scuola primaria. 

L’infanzia rappresenta una fase fondamentale dell’educazione dell’uomo e del cittadino; di conseguenza, la scuola che accoglie i bambini dai tre ai cinque, si configura proprio come ambiente educativo intenzionalmente strutturato, al fine di garantire a tutte le bambine e i bambini pari opportunità formative, così come prescritto dalle “Indicazioni Nazionali”. I bambini giungono alla scuola dell’infanzia con un proprio bagaglio culturale, esperienziale e valoriale, originale ed unico, che va rispettato e valorizzato, mediante la creazione di un ambiente strutturato negli spazi, nei tempi e nelle attività; al fine di garantire a tutti un sano processo evolutivo sul piano affettivo, sociale, cognitivo ed un significativo approccio ai sistemi simbolico culturali del nostro tempo, intenzionalmente orientato al graduale sviluppo delle conoscenze, abilità e competenze. 

Riconoscendo la centralità degli alunni, la scuola dell’infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte e rapporti, costituisce un ambiente educativo rispettoso della loro età, dei loro tempi di apprendimento, e delle loro unicità. Un luogo per incontrarsi, per riconoscersi, per comunicare, per scoprire, per crescere ed imparare. Il modo in cui sono strutturati gli spazi e distribuiti i materiali incide in maniera significativa sulla qualità delle esperienze che si compiono. Pertanto, ogni contesto di gioco, di relazioni, di emozioni e di apprendimento va ideato, concordato  e realizzato con consapevolezza in modo da favorire il benessere del bambino.

La metodologia flessibile, si fonda su alcuni elementi fondamentali. 

La progettazione aperta e flessibile

E’ fondamentale predisporre in modo adeguato e coerente una programmazione educativa, che consenta al bambino di elaborare il suo processo di crescita. Essa deve partire dal singolo bambino e rispettare la sua soggettività ed unicità disponendo una serie di interventi funzionali e individualizzati per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti. 

La valorizzazione della vita di relazione

La dimensione affettiva è essenziale nei processi di crescita: l’affetto, il rispetto, la serenità, l’allegria, lo scambio, l’ascolto e l’aiuto sono componenti essenziali per diventare buoni adulti e cittadini attivi e consapevoli. In tale prospettiva la scuola dell’infanzia ha il compito di rendere molteplici le modalità di relazione, quali coppie, terzetti, piccolo gruppo, gruppo allargato. A tale scopo sono predisposte dai docenti varie attività: in sezione con il gruppo classe, nei laboratori per intersezione, in giardino con più gruppi sezione. 

La valorizzazione del gioco

L’approccio ludico è presente in tutte le attività e nei vari campi di esperienza. Il gioco rappresenta una risorsa privilegiata di apprendimento nelle dimensioni simbolico e cognitive; è uno strumento per lo sviluppo del bambino, attraverso il quale egli sperimenta, esprime la sua creatività, acquisisce le prime regole sociali e morali, regola le sue emozioni attraverso il rapporto con gli altri bambini, manifesta bisogni, desideri e sentimenti.

Il dialogo continuo

Il dialogo continuo è utile per un confronto, per uno scambio, un arricchimento reciproco, per stimolare la discussione e valorizzare “il pensare con la propria testa” sviluppando il senso critico, per rendere il bambino sempre coprotagonista del suo percorso di crescita. 

L’osservazione sistematica degli alunni

Nella scuola dell’infanzia è fondamentale l’osservazione sistematica ed occasionale degli alunni al fine di riorganizzare e di rimodulare mediante progetti l’intervento educativo. 

La documentazione

La documentazione consente agli alunni di conservare la memoria delle proprie esperienze vissute e di riflettere sul loro operato, sulle loro conquiste, su quello che ciascuno ha dato e ha ricevuto dai compagni, sul riconoscimento della propria identità e di quella del gruppo, al fine di sviluppare la capacità di lettura della pratica educativa quotidiana. 

La progettazione educativa, mediante un’attenta ed ampia documentazione, si rende visibile e trasparente ai suoi destinatari: alunni, famiglie, docenti. 

Patto educativo scuola – famiglia

Le famiglie costituiscono il contesto più influente per lo sviluppo sociale affettivo e cognitivo dei bambini. Esse sono portatrici di risorse che devono essere valorizzate nella scuola, al fine di far crescere una solida rete di scambi comunicativi e di responsabilità condivise. È auspicabile instaurare con le famiglie un rapporto fondato sulla fiducia reciproca, sul dialogo e sulla trasparenza tra le parti coinvolte nel processo educativo, per una proficua collaborazione. La partecipazione dei genitori alla vita scolastica si realizza mediante varie modalità, rispettando sia le esigenze degli alunni, che quelle della scuola e delle famiglie stesse. Ogni momento di incontro con la componente genitoriale, sia esso di assemblea, Consiglio di Intersezione, Consiglio di Istituto o condivisione di progetti o laboratori costituisce un’occasione proficua per l’arricchimento dell’offerta formativa della nostra scuola. 

“…Quando lavori coi bambini devi stare in una sorta di attesa dubitativa, essere capace di sorprenderti per ciò che non ti aspetti. I tuoi interventi devono essere sempre accorti, delicati, silenziosi, poco eclatanti, è sufficiente che i bambini sentano la tua presenza, sentano che sei con loro, questo li renderà fiduciosi e consapevoli di ciò che sta succedendo e di ciò che stanno apprendendo. Devi essere come un ricercatore permanente. Puoi aiutare i bambini a costruirsi delle aspettative, dei pensieri, – anche se disordinati per te – che abbiano un significato per loro. Devi lasciare che siano loro gli autentici protagonisti…”

Loris Malaguzzi

(da Loris Malaguzzi, biografia pedagogica, di Alfredo Hoyuelos)